Festa della Mamma 2018

La Festa della Mamma e la Difficoltà di fare la Mamma oggi

Oggi domenica 13 maggio si festeggia la mamma. Per carità come dicono in tanti la mamma andrebbe onorata e festeggiata ogni giorno dell’anno ma un giorno per festeggiarla come Dio comanda non vogliamo negarlo.

Ma ciò che incuriosisce è come le mamme si siano evolute nel corso degli anni, diventando esperte in svariati settori, anche non di loro competenza, ma per forza maggiore si sono rimboccate le maniche e si sono lanciate.

Fare la mamma oggi è difficile, ma è necessario forse più di ieri. Sia per i figli sia per le mamme stesse.

Già dai primi istanti in cui annunciamo al mondo di diventare mamma, ci imbattiamo in mamme più brave di noi, che vogliono insegnarci come comportarci, come muoverci e mille altre cose, come se fosse cosi semplice e rituale uguale per tutte. Ma no, la cosa speciale che hanno le mamme è l’istinto materno. Quello per cui solo noi e solo per i nostri figli sentiamo come nessun altro e che nessuno ci può insegnare o suggerire.

Nel momento stesso in cui una nuova vita nasce, la donna rinasce come madre e cambia inevitabilmente.

Ogni mamma ha Super Poteri e tra questi la Resilienza.

Festa della Mamma 2018

Laddove insorge un problema, la donna che prima si piangeva addosso o non sapeva come affrontare le situazioni, nel momento in cui diventa mamma acquista questo Super Potere che la rende speciale e unica soprattutto agli occhi dei figli. Diciamoci la verità, tutti e tutte, abbiamo pensato almeno una volta nella vita che la nostra mamma avesse dei Super Poteri.

La prima resilienza che affronta una donna quando diventa mamma è abbandonarsi al corpo che si modifica e cambia e di cui non si sente più padrona, ma sa che è per una giusta causa e va avanti.

Impara a contare fino a dieci senza perdere le staffe e affronta il mondo dicendo “Si sono mamma, ma posso fare benissimo tutto quello che facevo prima e forse anche meglio”!

La società di oggi certo non aiuta, le donne che vogliono diventare mamme non hanno sicuramente vita facile soprattutto se hanno una carriera lavorativa da portare avanti e si trovano costrette a volte, a fare una scelta.

Fare la mamma, continuare a essere donna, moglie, imprenditrice o lavoratrice non è facile.

Ne sanno bene Claudia e Daniela de “Il Bello delle Borse” , donne, madri e imprenditrici a tempo pieno .

La cosa straordinaria è affrontare tutto con il sorriso. Sfruttare le situazioni difficili e porsi obiettivi.

Non è facile e lo sanno bene. Mandare avanti una vita professionale e occuparsi dei figli. Rispondere ai clienti mentre il figlio piange. Fargli le facce buffe per farlo smettere e distrarlo per far si che dall’altro capo del telefono non si accorgano di nulla. Ricordarsi dell’appuntamento preso in precedenza e rispettare gli impegni presi anche se nel frattempo si è promesso al figlio di portarlo al cinema o al parco…In quel momento vorresti morire, mandare tutto all’aria e dire chi me lo ha fatto fare.

A volte guardiamo alla nostra vita come un film e diciamo che commedia è questa? Chi ha scritto la regia?

Poi un sorriso del pargolo e ci rendiamo conto che nulla ha importanza, riusciremo comunque a fare tutto e ad arrivare alla fine della giornata e vedere che il film da commedia tragicomica si è trasformato in un bellissimo film d’azione romantico.

“Mamma! Sono una mamma!!!” ci diciamo, e la donna come per incanto veste i panni di Wonder Woman in azione che nemmeno la più brava attrice cinematografica, potrebbe interpretare e il nostro pargolo ci fa vincere l’oscar più bello della nostra vita.

Dalla nascita de “Il Bello delle Borse”, partorito in primis da Claudia e sopportato nel lungo travaglio da Daniela, entrambe mamme e imprenditrici allo stesso tempo, molte sono state le mamme che hanno aiutato nel percorso, un mondo femminile che in un certo qual modo aiuta a “partorire” nuove idee. Fa crescere i progetti e li sviluppa con tutto l’amore che solo le mamme conoscono, quando si parla delle loro creature. Ricordiamoci anche, di quelle donne che avrebbero voluto diventare mamme e non ci sono riuscite. Alcune sono mamme che non possono crescere i loro figli per svariati motivi e altre se ne vanno prima di vedere i loro figli crescere perché la vita ha deciso di portarle via prima del tempo. Tra queste Claudia e Daniela, ne vogliono ricordare una che è stata una parte importante all’inizio della gestazione del progetto ma la vita se l’è portata via prima che la creatura “Il Bello delle Borse” iniziasse a camminare con le proprie gambe.

Quindi, Buona Festa della Mamma a tutte coloro che sono mamme, che si sentono mamme, che lo sono state per un essere vivente o che lo saranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *